Articoli marcati con tag ‘lettura’

Vite ribelli

lunedì, 7 marzo 2011

vite ribelli

titolo: Vite ribelli

autori: vari

Dieci persone. Dieci ribelli. Dieci modi di vivere e manifestare la ribellione. Tutti con l’unico desiderio di avere giustizia, verità, uguaglianza. Nunzia Petacciato, Luigi Di Liegro, Gino Donè, Felicia Impastato, Gian Maria Volonté, Ilaria Alpi, Paolo Sollier, Maria Grazia Cutuli, Rino Gaetano, Giovanni Spampinato.
Un libro che mi ha arricchita e illuminata, che mi ha permesso di conoscere fatti e volti che fino ad ora avevo trascurato o addirittura ignorato. Tanti spunti riflessivi e motivi di approfondimento. Interessanti bibliografie. E, per non farci mancare nulla, anche note biografiche sui dieci autori delle storie.
Una scoperta fatta per caso durante un giro in biblioteca. Magnifica casualità!

Viaggio in India

domenica, 6 marzo 2011

P3060145

titolo: Viaggio in India

autore: Hermann Hesse

Seppur mi aspettassi un contenuto diverso, più mistico e spirituale, questo libro non mi ha affatto delusa. Sono rimasta impressionata dall’attualità delle osservazioni che Hesse ha fatto durante il suo viaggio, nel lontano 1911. Critica aspramente l’impronta lasciata dai colonizzatori occidentali nel profondo, magico, misterioso Oriente. Denuncia lo scempio di architetture dissonanti con l’ambiente che le circondano; elogia la lentezza e la rilassatezza indiane, la suggestività delle starde cinesi; inorridisce di fronte alla strage di alberi del ferro nella foresta vergine e agli Olandesi dediti solo al gioco delle carte, al fumo e all’alcol.
Sono sempre più affascinata dalla scrittura di Hesse, oltre che dal suo pensare. Descrizioni che non lasciano nulla al caso, che fotografano inequivocabilmente squarci di paesaggi e di vita con tale romanticismo e poeticità, da lasciar basiti.
“Alberi dignitosi”, “vegetazione pigra”, “strada convulsa”, “luce piena d’oro e di tepore”, “pioggia selvaggia, avida, devastatrice”, “alba gialla”, “cielo impietosamente caldo”, “selvaggio silenzio”, “ardente fertilità”, “oscurità lanuginosa”, “feconda valle”, “aria febbrile”, “colore turchino fosco e nobile”, “notte blu”, “caldo satanico”, “cielo torrido e nero”, “scimmie selvaggiamente liete”,”iridescenti farfalle”, “folle febbre di vita e di prodigalità”, “soffocante ebbrezza di procreazione”, “bosco eterno”, “esuberante vegetazione”: tutto questo,e molto di più, è l’Oiente di Hesse. Incredibilmente affascinante il capitolo “Sogno a Singapore”, senza dubbio intriso degli effetti dell’oppio, del vino rosso e del whisky del cui frequente uso lo scrittore non fa mistero.
Ho due rimproveri da fargli, però:
* detesto la sua passione per le farfalle, che lo ha portato a catturarne di vive e meravigliose per arricchirne la collezione;
*”Prima di partire, buttammo le bottiglie vuote nel fiume”. Non mi capacito ancora di un tale attentato alla natura, disinvoltamente confessato nel corso del racconto.

“Una casa malese, appena terminata, dopo tre mesi, sarà perfettamente integrata nel paesaggio, come se fosse stata costruita da cinquant’anni; invece un palazzo residenziale olandese, una chiesa inglese o un edificio scolastico cattolico di stile francese non potranno mai rallegrare il nostro sguardo, fintanto che non avranno posto termine alla loro esistenza carica di colpe e non avranno restituito alla natura le singole parti di cui sono composte”.

vacanze… finalmente!

domenica, 25 luglio 2010

finalmente-estate

Finalmente vacanze… quest’anno è stato veramente frenetico, anche se qui sul the readers project il tempo scorre lento e non si nota in maniera particolare. Le bimbe, la casa, il lavoro a tempo pieno e un progetto tutto nuovo (in cui naturalmente non potevano mancare i libri…) mi hanno fatto lasciare un po’ indietro la lettura, e l’aggiornamento delle nuove foto che arrivano al progetto. Tutte le altre, chi per un motivo chi per un altro, non sono riuscite a postare con la solita frequenza.

Ci prendiamo una pausa per il mese di agosto, ma non vi lasciamo soli! Tutte le foto rimaste in sospeso verranno pubblicate nella photogallery entro la fine di luglio, e vi accompagneranno, una al giorno, per tutto il mese di agosto, insieme ai post con le letture che riusciremo a fare in ferie!

Dopo l’articolo di Repubblica.it e la mostra che abbiamo organizzato in occasione dei 5 anni di thereadersproject.com, sono arrivate tantissime foto, che non siamo ancora riuscite a pubblicare. Ci scusiamo con chi aspetta di vedere la sua foto pubblicata da fine aprile, ma, come ho detto all’inizio, qui il tempo scorre lento, la lettura e la buona fotografia non son cose per chi va di fretta… confidiamo nella pazienza dei nostri lettori e fotografi!

Detto in tutta sincerità, se 6 anni fa (è già passato un anno dai festeggiamenti per il quinto anno?) mi avessero detto che il nostro progetto ci sarebbe stato ancora oggi, dopo flickr e anobii e i blog e i social network… non ci avrei mai creduto! Soprattutto perché non avevo ancora idea di come sarebbe stato il web 2.0, ed è bellissimo sapere di essere riuscite a portare avanti tutto questo.

(altro…)

Cento città per Rodari

martedì, 22 dicembre 2009

Due settimane fa, al nido in cui vanno le mie figlie, ci sono stati due ragazzi del centro di letturaIl grillo parlante” di Fabriano, nell’ambito del progetto “Nati per leggere“, che seguo con interesse da tempo. Sveva, che a casa è abituata a “leggere” con noi, è rimasta incantata a sentir raccontare le maestre. E così sono andata a curiosare in rete alla ricerca di qualche informazione in più sull’evento dedicato a Gianni Rodari che il centro sta organizzando…

(altro…)

un the readers blogger a settimana: Tatiana

mercoledì, 25 novembre 2009

Mi chiamo Tatiana e sono una bookaholic. E’ inutile che fate quella faccia, posso smettere quando voglio! 

I libri hanno pro e contro

Pro: mi hanno salvato, nella vita: dalla noia, dalle giornate storte, dal mio umor nero, dalle attese, dai nervi post-litigate, dalla tv-spazzatura, dai traslochi (effettivamente sono un po’ ingombranti come copertina di Linus…), dal caldo estivo di una casa di campagna… Una vita senza letture non è degna di essere vissuta! (ovvero: se non leggi che campi a fa’?!?)

Contro: NESSU…. OK, dai, va bene…. Gli aspetti negativi vanno dal rischio-asocialità (a volte è meglio passare la serata a leggere che a dirsi cavolate in un pub assordato di musica) al senso di assoluta inadeguatezza di fronte all’immensità della materia libresca… come farò con una vita sola a leggere tutto quello che mi interessa?

(altro…)

Libri libera tutti

venerdì, 6 novembre 2009

Oggi vi segnalo una bellissima iniziativa che mi hanno riferito alcuni visitatori della mostra: il secondo raduno “Libri Libera Tutti”, che si terrà a Macerata domenica 8 novembre alle 11.30.

Il gruppo Libri Libera Tutti si presenta con questo scopo:

Liberiamo i libri dagli scaffali, dalle librerie, dalle sedie, dai tavoli, dai comodini, dalle scrivanie, dal pavimento, dal bagno, da ovunque voi li teniate e facciamoli vivere per un giorno all’aria aperta. Condividiamo la passione per la lettura attraverso un gesto rituale collettivo: “Apriamo un libro e leggiamolo”. Contagiamo piazze,strade,città.

ed il raduno consisterà nel ritrovarsi tutti domenica a Macerata per leggere un brano da “Le intermittenze della morte” di José Saramago.

Complimenti al gruppo per la bellissima iniziativa, e… partecipate numerosi (e poi mandateci qualche foto, va!)

Leggimi forte

martedì, 7 luglio 2009

leggimi-forte

titolo: Leggimi forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura

autore:  Rita Valentino Merletti, Bruno Tognolini

Non ho ancora finito questo libro, ma sto ritagliandomi dei momenti per finirlo presto perché è veramente ricco di esempi, letture, consigli sull’universo dei bambini e della lettura, e ti apre gli occhi sul mondo della lettura ad alta voce, molto spesso oscurato dalla televisione. Nel mio piccolo sto cercando di leggere ad alta voce molto spesso a mia figlia Sveva, ed inizio ad incontrare anche il suo piacere quando lo faccio, anche se a volte inizio a leggere una storia e poi mi ritrovo ad esaminare le illustrazioni, e raccontarle altro… è comunque un’abitudine da consolidare e maturare, magari con l’aiuto di questo bel libro.